Merc.18.04.2012 – SIT-IN e CONFERENZA STAMPA dei migranti richiedenti asilo del Cara di Bari-Palese

SIT-IN e CONFERENZA STAMPA dei migranti richiedenti asilo del Cara di Bari-Palese
Mercoledì 18 aprile h 17 piazza della Libertà (p.zza Prefettura), Bari

Mercoledì 18 aprile i migranti presenti nel C.a.r.a. di Bari, dopo la
manifestazione del primo marzo scorso, saranno presenti ancora una volta in
piazza per denunciare i ripetuti dinieghi che ricevono dalla commissione territoriale competente, a seguito della loro istanza di asilo politico o umanitario.
Dopo mesi di attesa all’interno della struttura di prima accoglienza di
Bari-Palese, così come in tutte le altre sparse per la Puglia, i
migranti provenienti dalla Libia, dall’Asia orientale e da tanti altri
paesi dell’Africa, si trovano in una stato di esasperazione fisico e psicologico. Non è un caso che negli ultimi giorni, nella loro perenne invisibilità
all’interno di un luogo ormai assimilabile ad una prigione, abbiano
iniziato una protesta permanente, che vede alcuni di loro in sciopero
della fame.

Le istituzioni, da quelle locali al governo nazionale,
in funzione delle proprie competenze, continuano a gestire i flussi
migratori come una questione di ordine pubblico piuttosto che
intervenire per garantire il riconoscimento dell’asilo politico e
condizioni di vita il più dignitose possibili.
Il sit-in di mercoledì sarà l’occasione per i migranti del Cara
di Bari-Palese per lanciare un appello pubblico al Governo e al
Ministro degli Interni da far condividere e
sottoscrivere dai migranti
prensenti negli altri centri di “accoglienza” della Puglia e da diffondere nel resto d’Italia.

This entry was posted in antirazzismo, appuntamenti, comunicati, manifestazioni and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

1 Response to Merc.18.04.2012 – SIT-IN e CONFERENZA STAMPA dei migranti richiedenti asilo del Cara di Bari-Palese

  1. A fascinating discussion is definitely worth comment.
    I do think that you should write more on this topic,
    it might not be a taboo matter but typically people don’t speak about these
    issues. To the next! Cheers!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *